Rassegna stampa su Giovanni Rissone


da Focus del 08-2001

Va in arresto cardiaco, ma dopo un'ora si risveglia

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Torino, 23 gennaio 2001.
Un'altra rianimazione record. Questa volta di un adulto: Sergio Ricci, 47 anni, sopravvive a un arresto cardiaco di 72 minuti. Portato all'ospedale Giovanni Bosco per un lieve infarto, improvvisamente peggiora: il suo cuore si ferma. È già in un pronto soccorso e quindi la rianimazione è tempestiva. Ma senza risultato per molti, lunghi minuti.
I medici insistono. Di solito, dopo circa mezz'ora i medici rinunciano, poiché se si prosegue si rischia di salvare un uomo condannato a una vita "da vegetale". Nel caso di Sergio Ricci invece i medici prolungano la rianimazione per oltre un'ora, tenendo sotto controllo l'attività cerebrale. E l'uomo si sveglia (un caso rarissimo): sta bene.
I medici riaprono la coronaria ostruita e dopo 15 giorni di riabilitazione l'uomo viene dimesso.
Da saper fare. L'assenza di danni al cervello dopo una mancanza di ossigeno così lunga in un adulto è rarissima, per questo l'équipe torinese che ha rianimato Sergio Ricci ha intenzione di far conoscere nel mondo della medicina questa vicenda eccezionale per mezzo di una pubblicazione scientifica.

Torna all'elenco degli articoli