Rassegna stampa su Giovanni Rissone


da Infermiere Informazione del 06-2000

Linee guida per la terapia endovenosa a domicilio

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Dopo l'abrogazione del "mansionario" D.P.R. n.225/'74, l'ASL 4 di Torino, in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e il Collegio IPASVI, ha formalizzato le linee guida per gli interventi di terapia endovenosa da parte degli infermieri dei due distretti territoriali da effettuare a casa del malato.
Queste linee guida costituiscono un avvio di collaborazione tra Organismo di rappresentanza professionale degli infermieri e Azienda sanitaria, orientata a migliorare le prestazioni assistenziali erogabili in piena sicurezza a domicilio del malato, evitandone il ricovero ospedaliero se non strettamente necessario.
Obiettivi e percorso
Negli ultimi anni, i processi di riorganizzazione all'interno dell'Azienda Sanitaria Locale hanno mirato, anche attraverso l'evoluzione dei modelli distrettuali, all'analisi dei bisogni di salute della popolazione ed alla ricerca, sperimentazione e adozione di modalità di risposta ai bisogni sanitari che garantiscano sicurezza al cittadino e nel contempo corretta allocazione delle risorse.
In questo contesto, si sono sviluppati diversi modelli di cura alternativi e complementari al ricovero ospedaliero o in strutture per non autosufficienti: l' A.D.I., A.D.P., l'O.D., il S.I.D., l'A.D.O.C., ecc., riassumibili nel servizio di Cure domiciliari.
Il Servizio Infermieristico, che rappresenta uno dei punti cardine delle Cure domiciliari, si è nel tempo dato strumenti tecnici, di comunicazione e di organizzazione necessari allo sviluppo delle cure a casa. Tra questi strumenti, anche in relazione al tempo del "post mansionario" e dell'"emergenza infermieristica", si colloca l'elaborazione di linee guida, procedure e protocolli che definiscano chiaramente ruoli, responsabilità, percorsi e rappresentano per l'utenza garanzia di professionalità, di continuità e di omogeneità d'interventi fra i diversi operatori.
Le linee guida per la terapia endovenosa domiciliare sono state fortemente volute dal gruppo infermieristico per regolamentare la prestazione in un'ottica di protezione del cliente e dell'operatore che la esegue. In un'ottica che considera la "buona pratica" come il vero strumento di protezione dei professionisti, in quanto protezione dell'assistito, le linee guida sono state formulate da un gruppo di lavoro identificato durante una seduta del Comitato Consultivo d'Azienda (art. 11 del DPR 484/'96 ), di cui sono membri effettivi e supplenti anche due figure infermieristiche.
Tale gruppo di lavoro, composto da due rappresentanti dei Medici di medicina Generale, due Responsabili Infermieristici di Distretto e due Infermieri Professionali del servizio di Cure domiciliari, hanno elaborato le linee guida congiuntamente a Consiglieri del Collegio IPASVI di Torino, di un Medico legale e di un Medico allergologo.
Il documento è stato quindi ripresentato al Comitato Consultivo che l'ha avvallato e portato all'attenzione dei Direttori di Distretto, della Direzione Sanitaria e della Direzione Generale Aziendale. L'approvazione della Direzione Generale e la diffusione ufficiale a tutti i medici di Medicina Generale e al personale infermieristico distrettuale ha consentito la loro adozione nell'attività quotidiana.
Siamo coscienti che questo è solo un piccolo tassello della lunga via alla Qualità, ma siamo gratificati dall'aver potuto ancora una volta dimostrare che il Medico e l'Infermiere operano in modo integrato ponendo i bisogni del cliente al centro dell'interesse del servizio.
C. Contratto - G. Pochettino

Torna all'elenco degli articoli