Rassegna stampa su Giovanni Rissone


da La Stampa del 23-03-1995

Sestriere guida la fila di chi vuole il Distretto alpino: è una proposta migliorativa

In Valle Susa sindaci ai ferri corti

Polemiche perché Cesana rifiuta l'Usl di Pinerolo

Clicca per scaricare l'articolo originale (formato pdf) Sindaci dell'alta Val Susa ai ferri corti, divisi dalla proposta di Distretto sanitario alpino. A dar fuoco alle polveri sono state le dichiarazioni primo cittadino di Cesana, Riccardo Formica, il quale ieri ha preso le distanze dal progetto che vorrebbe raggruppare alcuni Comuni delle alte Valli Chisone e Susa in un unico Distretto, in grado di assicurare l'assistenza sanitaria ordinaria e quella d'emergenza grazie ad una struttura specialistica flessibile dell'ospedale pinerolese "Eduardo Agnelli" ed alle eventuali convenzioni col vicino centro ospedaliero francese di Briançon. In primo lungo, sarebbero coinvolti i comuni valsusini di Sestriere, Claviere, Cesana (che dovrebbero chiedere il trasferimento all'Usl 10 di Pinerolo) e Fenestrelle e Pragelato in Val Chisone.
Secondo Formica, con il passaggio da un'Usl all'altra la gente di Cesana correrebbe, tra l'altro, il rischio di doversi servire dell'ospedale di Pinerolo anziché di quello di Susa, più vicino. "Neppure con un potenziamento, l'ospedale di Susa è rapportabile a quello di Pinerolo e poi il cittadino ha piena di scegliere le strutture sanitarie dove ricoverarsi, senza vincoli di Usl d'appartenenza", sostiene il direttore generale dell'Usl 5 valsusina, Nicolò Coppola, che si inserisce cosi nel "botta e risposta" che registra la secca replica di Francesco Jayme, sindaco di Sestriere: "Noi andremo sulla strada del Distretto alpino e non capisco come il sindaco Formica, unico assente agli incontri fra i Comuni direttamente interessati, possa dire no ad una proposta migliorativa che raccoglie persino il "nullaosta" dell'Usl della Val Susa". L'Usl 5 è una lunghissima striscia che dalla periferia torinese, lungo tutta In Val Susa, raggiunge il confine francese. "Un territorio piuttosto vasto - continua Coppola -. In questo quadro, non siamo certo contrari alla proposta di Distretto alpino sperimentale partita da Pinerolo". La proposta punta alla centralità geografica di Sestriere quale sede del Distretto alpino. Il Comune di Cesana, dal canto suo, ha recentemente realizzato un centro medico accanto al municipio. "La valorizzazione di tutte le strutture esistenti è tra gli obiettivi del progetto che ha comunque uno scopo primario che non si può assolutamente perdere di vista, cioè le esigenze della popolazione dell'intera area interessata", interviene Giovanni Rissone, direttore generale dell'Usl 10 e artefice del progetto.
[a. tav.]

Torna all'elenco degli articoli